Progetto formativo sulla KMC per la nuova neonatologia

logo neonatologia

Come previsto dal programma formativo del 2019 e nella necessità di fornire le nozioni più adeguate nell’ambito del progetto di accoglienza della madre e del bambino, presso l’ospedale di Ngozi, si è tenuto dal 6 all’11 maggio un corso di perfezionamento sul tema della Care del neonato e sulla Kangaroo mother care( KMC)

Il corso è stato tenuto dal dottor Guido Calciolari, medico neonatologo e neuropsichiatria infantile, già segretario del Gruppo di studio sulla care della Società Italiana di Neonatologia

Il corso ha avuto come principale obiettivo la formazione del personale in occasione della prossima apertura del reparto di Kangaroo mother care presso l’ospedale di Ngozi, dove saranno ospitate la madri dei bambini prematuri prima della dimissione.

Al corso ha partecipato tutto il personale dell’ostetricia e della neonatologia dell’ospedale.

Le organizzazioni promotrici dell’iniziativa sono state l’Associazione Amahoro Onlus e Chiesi Foundation in collaborazione con l’Ospedale autonomo di Ngozi .

I temi principali delle lezioni hanno riguardato:

  • l’influenza dell’ambiente esterno sulla qualità dello sviluppo del bambino,
  • la prevenzione dell’ipotermia,
  • il rapporto di vicinanza e separazione tra madre e nuovo nato e la promozione dell’allattamento
  • l’organizzazione degli spazi di lavoro all’interno di una unità neonatale
  • la prevenzione di situazioni di stress e del dolore
  • le difficoltà del cambiamento, le migliori procedure e la cura Kangaroo
Dimostrazione pratica

L’intento  principale del progetto formativo è stato quello di realizzare un cambiamento della metodica della cura  del neonato, non limitandosi al solo aspetto medico ma ponendo l’attenzione anche  sugli aspetti psicologici e relazionali, sulla qualità di vita e sulla preparazione all’accoglienza delle persone a lui più vicine.

Le lezioni hanno avuto la piena partecipazione del personale coinvolto ed hanno previsto come metodo didattico, insegnamenti frontali, discussioni di casi clinici, gruppi di studio e simulazioni.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *