Pronto soccorso ostetrico e sistema a triage

Condividi su:
Pin Share
Riorganizzazione del servizio di PS ostetrico e introduzione del sistema a triage
Il servizio di triage realizzato presso la maternità permetterà di migliorare il lavoro del personale e di determinare il percorso migliore per fornire l’adeguato sostegno ad ogni donna.
Obiettivi

Riorganizzare il servizio di pronto soccorso ostetrico al fine di migliorare la qualità delle prestazioni offerte alla donna gravida con l’obiettivo di ridurre la mortalità e la morbilità materno neonatale legata al parto.

 Ridurre al minimo i ritardi dell’intervento sul “paziente urgente” attribuendo a tutti i pazienti un codice di priorità che regoli l’accesso alle cure mediche in relazione alla gravità della loro condizione, operando una ridistribuzione a favore di chi è più grave rispetto a chi non riceverà, comunque, un danno da un tempo di attesa maggiore.

Il triage, cos’é?

Il metodo del triage è utilizzato principalmente all’arrivo dei pazienti in Pronto Soccorso e consta nella prima valutazione che viene data per determinare il livello della gravità del malato.
L’accesso alla cure non viene stabilito in base all’ordine d’arrivo ma basandosi sulle priorità delle condizioni generali.
Questo metodo permette di definire una gerarchia tra le persone che arrivano nel Pronto Soccorso per la prima assistenza dando la precedenza ai casi più urgenti.
Il grado di urgenza di ogni paziente è stabilito in base ad un codice colore: a seconda del colore che viene assegnato viene data maggiore o minore priorità al servizio di cura.

Il progetto prevede:

  • la ristrutturazione del PS ostetrico con la realizzazione di un’area dedicata al triage e percorsi di presa in carico differenziati in rapporto alla patologia e alle condizioni cliniche della paziente.

  • La dotazione del servizio degli arredi e gli strumenti necessari, tra cui un ecografo e un cardiotocografo

  • Un corso di formazione del personale sulle urgenze ed emergenze ostetriche

triage in Burundi.
triage e soccorso in Africa.

PROGETTO REALIZZATO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.